Personalità della settimana: Sina Trinkwalder

In un mondo sempre più difficile, sempre più complicato e globalizzato, l’identità delle persone è, forse, un po’ minacciata. Ci si sente, insomma, intrappolati in una società troppo frettolosa e superficiale, dove i più deboli sono magari anche i più fragili dal punto di vista sociale. Ci sono, tuttavia, persone che credono nei loro principi e che hanno dei valori fondamentali. Per questa serie di motivi ho scelto di parlare oggi della storia di Sina Trinkwalder e del suo bellissimo progetto, Manomama.

«Non possiamo cambiare il mondo, ma possiamo renderlo migliore ogni giorno»; è così come nasce il progetto Manomama: per poter fare i miracoli da soli.

Sina Trinkwalder (40 anni), è un’imprenditrice tessile tedesca che ha avuto un’idea davvero eccezionale: fondare la prima azienda tessile eco-sociale della Germania: MANOMAMA. In poche parole, Sina Trinkwalder ha voluto mettere al centro della sua idea imprenditoriale l’essere umano e l’importanza di essere innanzitutto persone, e non numeri. Ecco perché, in un mondo sempre meno interessato alle difficoltà dei singoli, la storia di Manomama è davvero eccezionale e potrebbe essere un esempio per tutti noi. Sina Trinkwalder si è proposta di fare un tipo diverso di azienda: ha dato la possibilità di lavorare a delle persone in difficoltà, utilizzando solo materie prime ecologiche, nel pieno rispetto dell’ambiente. Ha realizzato così i suoi obiettivi: dare a tutti quanti l’opportunità di avere un impiego e rispettare il pianeta.

Le persone che lavorano presso Manomama sono molto diverse tra loro, ma hanno tutte una stessa caratteristica: la voglia di riscattarsi e di essere economicamente indipendenti. Giovani e anziani, persone con disabilità, immigrati, genitori in difficoltà e mamme single, persone che non hanno avuto la possibilità di finire la scuola, disoccupati con difficoltà di trovare un impiego o persone in situazioni critiche, ma con voglia di riscattarsi; sono queste le persone che possono entrare a far parte del personale dell’azienda di Sina Trinkwalder. I contratti sono rigorosamente a tempo indeterminato, con retribuzioni orarie di almeno 10 euro e con turni di lavoro pensati per essere al 100% compatibili con le esigenze familiari dei dipendenti. Sembra un sogno, ma è la realtà di chi ha avuto la voglia di mettere la dignità umana al centro di un’idea imprenditoriale e ne ha trovato, in questo modo, la strada giusta per il successo.

Manomama lavora non solo con materia prima ecologica, ma con materia prima proveniente da aziende regionali, in modo da sostenere il lavoro nazionale e regionale.  Canapa, pelle, lana, viscosa, cerniere, bottoni e fili per cucire: sono tutti rigorosamente Made in Germany e reperiti in un raggio di 300km di distanza dalla sede di Manomama.

I dipendenti di Manomama

I dipendenti di Manomama

Fonte immagine

Sina Trinkwalder è la personalità della settimana perché il suo esempio è per tutti quanti una lezione di vita: si può fondare un’azienda e avere successo, rispettando le persone che ci lavorano, rispettando l’ambiente, aiutando anche allo sviluppo dei piccoli imprenditori locali. Si può  essere, dunque, imprenditore di successo, persona con principi solidi, datore di lavoro che rispetta i diritti dei propri dipendenti, il territorio e l’ambiente.

Grazie per la lettura e a lunedì prossimo per un’altra personalità della settimana!