(S)vendere la propria preparazione su Upwork

man in white shirt using macbook pro

Lavorare da freelance non è di sicuro semplice.

Proprio partendo da questa riflessione vorrei attirare l’attenzione su alcuni aspetti fondamentali. Parlerò oggi di Upwork, una piattaforma che mette in contatto clienti e freelancer. Sembra ottimo, vero? Poter accedere a una piattaforma dove ci sono soltanto clienti interessati ai servizi offerti dai professionisti, potrebbe sembrare la cosa migliore al mondo. Eppure…

  1. Prima di cominciare un’analisi di questa piattaforma, vorrei fare una piccola precisazione: oggi parlerò solo di come viene rappresentato il mondo traduttivo all’interno della piattaforma. Quindi, questo articolo fa riferimento solo alle richieste per i servizi di traduzione di Upwork.
  2. Il lavoro del traduttore specializzato è un lavoro altamente qualificato che suppone anche una preparazione di anni e anni di studio. Il traduttore è un professionista a tutti gli effetti. 
  3. Un traduttore specializzato traduce, in media, 300 parole in un’ora!

Bene! Partendo da questa base proseguiamo il nostro percorso alla scoperta di Upwork.

Accedendo alla piattaforma tramite un account personale, possiamo trovare offerte di lavoro, quindi clienti che hanno bisogno di vari servizi e si affidano alla piattaforma per trovare freelancer in grado di fornire questi servizi.

Vediamo adesso una prima richiesta di lavoro di traduzione, per la combinazione IT>EN. Ottimo! Apriamo l’offerta e leggiamo i dettagli:

Schermata 2018-09-20 alle 19.15.48.png

Piccolo riassunto: ci vengono offerti 60$ (dollari quindi, che sarebbero comunque più o meno 50€) per 50 pagine (già questo ci fa capire che il nostro potenziale cliente non è molto pratico con il mondo delle traduzioni. La pagina, come unità di misura non è proprio il massimo, ma andiamo avanti). Facendo due conti, ci vengono offerti 60$ per 50 pagine di traduzione, il che equivale a 1,2$/pagina tradotta! E se vi dicessi che le sorprese non sono finite? 😊

Upwork prende una commissione del 20% sull’importo offerto ai freelancer. Quindi, la nostra situazione diventa: 1,2$-20%= 0,96$/pagina = più o meno 0.80€/pagina! 😂

Sarà stato un caso questo? Insomma… Vediamo un altro esempio:

Schermata 2018-09-20 alle 19.24.31.png

Ci viene richiesto di tradurre 6200 parole e ci vengono offerti 140$. Questa volta è andata meglio… o no? Chiediamo aiuto alla nostra amica di cuore, cioè la matematica:

  • Vi ricordate quello che abbiamo detto al terzo punto della nostra introduzione? Un traduttore specializzato e professionista traduce in media 300 parola/h. Quindi ci vogliono più o meno 20h di lavoro puro per consegnare la traduzione in questione.
  • La commissione di Upwork è di 20% sul totale offerto, quindi togliamolo subito: 140$-20%=112$.
  • 112$ per 20h di lavoro il che vuol dire 5.6$/h, che sono 4,76€/h. 
  • Tuttavia, la storia non finisce qua. Un traduttore freelance deve rilasciare una ricevuta per il lavoro svolto o deve fatturare con una P. IVA. Vediamo come andrà a finire.
  • Ricordo a tutti quanti la ricevuta o la fattura è obbligatoria per legge. Non rilasciarla vuol dire LAVORARE IN NERO!
  • Se non hai una P. IVA, dovrai rilasciare una ricevuta e dovrai comunque pretendere e pagare la ritenuta di acconto pari al 20% dell’incasso, quindi i nostri conti cambiano drasticamente: 4,76€/h-20%= 3,80€/h per il lavoro di un professionista! 
  • Se hai la P. IVA, allora i conti variano in base alle tasse che sei tenuto a pagare e in base alla tipologia di P. IVA e se vuoi, puoi fare dei conti precisi con il tuo commercialista (che, onestamente, non so con quali soldi andrai a pagare se tu stesso lavori con una tariffa di 3,80€/h).
  • Voglio ricordare che le spese per i contributi previdenziali ammontano a un 27.72% del fatturato, quindi… pur rimanendo all’importo di 4,76€/h (senza la ritenuta di acconto), pagando i contributi per la propria pensione lavoreremo per 4,76€/h-27,72%= 3,44€/h!
  • Consegnare traduzioni di dubbia qualità solo per raddoppiare queste cifre e guadagnare 6-7€/h (traducendo 600 parole/h con le MT) non è raccomandabile poiché in gioco è la vostra reputazione professionale e perché siete dei professionisti e magari i ricordi di una laurea molto sudata non sono poi così lontani…

Vi allego qui anche una foto che mostra la percentuale del 20% che si prende Upwork:

Schermata 2018-09-20 alle 19.47.24.png

Ognuno è libero di lavorare dove vuole e dove ritenga che sia più adatto e conveniente per lui. Tuttavia, il lavoro dei traduttori è un lavoro difficile, che richiede preparazione, professionalità e intelligenza. Il traduttore ha diritto, come ogni lavoratore al mondo, di lavorare dignitosamente. Tutti i conti da me fatti sono approssimativi e non ho nemmeno menzionato l’investimento che un traduttore fa, ad esempio, per vari programmi e CAT Tools.

Cari traduttori, se amate questo mestiere saprete comunque rispettarlo e io non sono in grado di darvi consiglio alcuno.

Cari clienti, se desiderate risparmiare sui costi delle traduzioni, fate solo una riflessione sui conti sopra elencati. Vedrete presto che un traduttore serio e preparato non può tradurre con 3€/h. 😊 Come immagino che neanche lei, caro cliente, lavorerebbe duramente a 3€/h, fornendo qualità e passione.

Concludo questo articolo con una frase il cui autore non lo conosco, ma che sicuramente è molto adatta per il nostro caso:

Se pensi che un professionista ti costi troppo, non sai quanto ti costerà  un dilettante!

6 pensieri su “(S)vendere la propria preparazione su Upwork

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...