L’analisi culturale nel mondo della traduzione

bookcase books collection cover

Oggi parleremo dell’importanza della cultura nel processo di traduzione. Como abbiamo già specificato varie volte, non basta conoscere due lingue ad altissimo livello per poter svolgere il mestiere del traduttore. Questo non basta perché il traduttore non è soltanto maestro delle parole, delle lingue con cui lavora, ma è anche un ottimo intenditore delle culture coinvolte nel processo di traduzione. Le varie sfumature culturali sono davvero importanti sia per la traduzione editoriale, che per la traduzione specializzata. Questo concetto lo hanno capito bene nel mondo dell’advertising, ad esempio. Vi è mai capitato di vedere uno stesso spot pubblicitario ma in varie lingue e destinato a un pubblico culturalmente diverso? Le differenze culturali spingono spesso a un’analisi culturale e a un’adattamento del testo o del contesto dello spot in questione. Mi sono appena ricordata di uno spot pubblicitario della Dacia, presentato in vari paesi, con adattamenti per il pubblico di riferimento. Allego qui i link per lo stesso spot in Italia, Romania e Spagna:

Questo è soltanto un piccolo esempio di quanto il mondo della traduzione sia fortemente legato alla cultura, non solo alla lingua di un popolo. Quindi, quando dobbiamo affrontare un testo in vista della sua traduzione, tra le prime operazioni che dobbiamo svolgere è l’analisi culturale di tale testo. Occorre, quindi, essere in grado di realizzare non solo una traduzione puramente linguistica, ma anche una traduzione culturale, capire i rimandi connotativi e le varie sfumature culturali e contestuali.